Tuesday, June 23, 2009

Pesce blu!

Ieri siamo andati a pescare, o meglio i ragazzi han pescato ed io mi son dedicata alla lettura di un libro che avevo iniziato tempo fa...
Durante la mia lettura alzo lo sguardo per un attimo e noto che Luca ha preso qualcosa, la sua canna si piega, cerco il telefono per fare una foto e corro da loro.
Arrivo giusto in tempo mentre Luca sta tirando fuori il pesce dall'acqua! Un pesce blu, tutto colorato! Ma siamo sicuri che questo sia un pesce norvegese o é piuttosto un pesce tropicale che si é perso?!


Dopo una breve ricerca sta mattina, scopro che si tratta di un Labrus mixtus, e che in Italia é anche conosciuto come Tordo fischietto mentre in Norvegia come Blåstål (il maschio che é blu) e Rødnebb (la femmina che invece é rossa). Pesce davvero bello da vedere. Unico pesce degno di noto preso ieri, ma subito liberato.

2 comments:

Christian B. said...

Notizie dall'Italia:
Bene il referendum è terminato. Non si è raggiunto il quorum.
Era prevedibile, non si può cancellare una legge elettorale schifosa come quella che abbiamo, con una ancora più antidemocratica (escluso il terzo quesito).
Già il terzo quesito era il più interessante, vietava la candidatura multipla in più seggi, dei soliti volti noti alla caccia di voti nelle varie circoscrizioni.
Un quesito (il terzo) inserito in un contesto referendario pieno di polemiche e di dichiarazioni contrastanti da parte dei nostri politici.
Un quesito che se posto in altri termini e magari associato ad altri come i condannati in parlamento o alle sole due legislature (come quello proposto da Grillo, da me firmato) probabilmente avrebbe superato di gran lunga il 50% di votanti.
Arrivano le prime dichiarazioni dei nostri politici, come quella di Maroni che scandalizzato dalla bassa affluenza, afferma che ora dovrà cambiare la legge referendaria.
Affermazione condivisa in pieno dal leader dell'opposizione Franceschini, che invece di tutelare anche il diritto del non voto in caso referendario, si schiera dalla parte del governo.
Attenzione perchè i due più grossi partiti della nostra Repubblica stanno organizzando silenziosamente un' altro duro colpo alla democrazia.
Vogliono con ogni probabilità aumentare le firme necessarie per la realizzazione di un qualsiasi quesito referendario. Firme che ora sono già tante ma che dovranno essere ancora di più per rendere più difficoltosa la loro raccolta.
Proprio ora che stiamo aspettando una data precisa per il referendum organizzato da Grillo.
Referendum che se passasse vedrebbe svuotarsi il parlamento italiano, per la grande quantità di condannati e di deputati in attesa di giudizio. Proprio ora che Grillo sta pensando di organizzare una raccolta di firme per ribadire il nostro NO AL NUCLEARE.
Non può essere solo una coincidenza!
Il vostro ministro Maroni, insieme a Silvio, erano (per accordi elettorali) i promotori per il non voto, volevano l'astensione, volevano che non si raggiungesse il quorum.
Come può ora essere scandalizzato se la gente non è andata a votare, proprio lui che ricoprendo un incarico istituzionale come il ministro degli interni, (dovrebbe quindi tutelare i principi che reggono la repubblica, come il voto appunto) per paura di perdere potere si è apertamente schierato dalla parte del non voto!
Ci stanno prendendo in giro, evitando di parlare dei veri nostri problemi, il lavoro, l'economia, la salute, e si stanno sempre più trincerando dietro una cortina di menzogne atte a tutelare i loro privilegi utili a mantenere un potere ormai corrotto fino al midollo.
STIAMO ATTENTI, LA DEMOCRAZIA E' SEMPRE PIU' IN PERICOLO, e questa volta vogliono farci credere che è colpa nostra perchè non siamo andati a votare una loro legge.

Christian B.

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri said...

Volevo dirti che i tordi sono tra i pesci più colorato che abbiamo nei mari italiano, ma alla luce del commento precedente al mio mi sembra una sciocchezza...
purtroppo, sono d'accordo con Christian, e mi sento molto avvilita...